Pubblicato il Lascia un commento

SPAGNA

Tutto il territorio della Spagna è adatto alla coltivazione della vite, che è presente praticamente ovunque.

Il vino più rappresentativo della Spagna è senza dubbio lo Sherry.

Lo Sherry, Xeres o Jerez, è prodotto nella provincia di Cadice in Andalusia ed è commercializzato in tutto il mondo.

Se non vuoi leggere e preferisci guardare un video, ti consiglio il mio corso gratuito sulla degustazione, l primo video lo trovi qui .

Jerez de la Frontera è la città al centro della regione.

I vitigni autorizzati sono : il Palomino, il Pedro Ximenes e il Muscatel.

Vuoi sapere chi sono e cosa posso fare per te? Clicca qui e visita il mio sito.

Il Palomino è il più importante, gli altri due sono usati esclusivamente per l’addolcimento.

Iniziata la vendemmia le uve vengono lasciate asciugare al sole per 24 ore prima della pigiatura.

Il mosto fermenta per tre settimane e quindi, dopo la svinatura, si provvede alla prima ”fortificazione” con l’alcool prima di riempire le botti a 3/4.

In questo periodo di maturazione si forma il ”flor” sulla superficie del vino; il flor consiste in un sottile velo di lieviti i quali, ossidandosi danno il particolare carattere allo Sherry.

Qui entra in scena il ”catador” o assaggiatore che, dopo avere assaggiato il vino di ogni botte, lo classifica come FINO o RAYA.

I vini classificati subiscono l’invecchiamento con il metodo Solera.

Il ”Metodo Solera” consiste in vari travasi effettuati in una serie di barili graduati secondo l’età e uniti tra loro in gruppi sovrapposti.

Solo in Spagna si attua questo metodo.

Lo Sherry più vecchio nella parte più bassa è, appunto, chiamato Solera.

Il secondo più vecchio è chiamato ”primo Criadera”, quello successivo ”secondo Criadera” e così di seguito.

Quando il vino è spillato dal Solera, esso viene successivamente spillato in quantità uguale da ogni botte.

Quindi inizia un sistema un sitema a turno con il quale il Solera viene dal primo Criadera, il primo dal secondo Criadera ecosì via.

Il risultato di questo sistema consiste nel fatto che durante gli anni rimane nelle botti la stessa quantità e carattere del vino originale.

Il FINO del Solera viene così rinfrescato dai vini più giovani che mantengono costantemente la freschezza dello Sherry.

Col tempo il colore dello Sherry tende all’ambrato e prende poco a poco il suo bouquet inimitabile e il suo sapore diventa più alcolico.

Dal Fino si ottiene lo Sherry Fino; se il Fino viene invecchiato a Sanlucar de Barrameda, vicino al mare avrà un sapore più sapido e verrà commercializzato sotto il nome di Manzanilla.

dal Fino si ottiene anche l’Amontillado, di solito più vecchio, più colorato, leggermente ambrato.

mentre dal RAYA si ottengono gli Sherry dolci con la seguente scala ascendente : Oloroso, Cream, Brown.

Ciao, ti aspetto al prossimo articolo

Stay tuned.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.